I Musei del Bargello riaprono

Bentornati, sì: questo è ciò che finalmente vogliamo dirvi, a partire da lunedì 18 gennaio 2021, quando riapriremo i nostri musei.

La festosa immagine del Bacco di Jacopo Sansovino, uno dei capolavori del Cinquecento fiorentino esposti al Museo Nazionale del Bargello, ci appare perfetta per un’occasione come questa.  Il Bacco porta ancora evidenti i segni di un forte trauma - nel 1762, quando l'opera era custodita nella Galleria degli Uffizi, un incendio lo danneggiò gravemente - ma, dopo un pronto restauro, è sempre con noi per brindare alla vita.

Sappiamo che la situazione è ancora difficile, e che il diffondersi del virus non si è arrestato, ma la riapertura dei nostri luoghi della cultura è per noi un simbolo di speranza.

Così oggi, come nel Rinascimento, festeggiamo con Bacco non solo perché vogliamo tornare a godere della bellezza delle nostre opere d’arte, magari pensando che “del doman non v’è certezza”, ma soprattutto perché, proprio come nel Rinascimento, siamo consapevoli che è da questa bellezza che nasce la spinta a ricercare i più alti valori per cui vale la pena di vivere, prendendosi cura dell’Uomo e della Natura.

I Musei del Bargello ci sono e saranno aperti tutti i giorni feriali dal lunedì al venerdì.

Apriranno le proprie porte:

il Museo Nazionale del Bargello, dalle 8.45 alle 13.30;

il Museo delle Cappelle Medicee, dalle 8.45 alle 13.30 (il lunedì e il martedì) o dalle 14.00 alle 18.30 (dal mercoledì al venerdì);

il Museo di Palazzo Davanzati, dalle 14.00 alle 18.30.

Vi aspettiamo!