LA SCELTA DEL CURATORE

Un prezioso dittico in avorio dalla collezione Carrand

Museo: BARGELLO
 
Arte tardo-romana (Milano o  Roma)
400 circa d.C.
Dittico con Adamo nel Paradiso terrestre e Scene della vita di san Paolo
Avorio
Museo Nazionale del Bargello, inv. 19 Carrand e 20 Carrand
 
La "scelta del curatore" è dedicata ad una delle opere più antiche e rare della collezione di avori del Museo Nazionale del Bargello, tra le più ricche al mondo in questo settore.
I dittici in avorio di età romana tardo-imperiale erano in genere doni di gran lusso destinati a personaggi delle classi sociali più altolocate, ed essendo apribili in forma di libro, potevano essere esposti in ambienti domestici o portati con sé.
Per saperne di più, ecco una breve scheda dell'opera, redatta dalla dott.ssa Ilaria Ciseri del Museo Nazionale del Bargello: 
 
Le due tavolette costituivano le valve di un dittico di età tardo imperiale, che è oggi tra i capolavori più celebri della collezione di avori del Bargello.
Acquisito dal museo con il prestigioso lascito di Louis Carrand nel 1888, il dittico era appartenuto negli anni Venti dell’Ottocento a Dominique Vivant Denon, primo grande direttore del Louvre.
Le due valve raffigurano rispettivamente un tema biblico e scene della vita di san Paolo. In una è rappresentato Adamo semidisteso mentre, indicandoli ad uno ad uno, impone il nome agli animali del Paradiso terrestre, secondo il testo della Genesi: la lavorazione rivela un vivace impianto descrittivo ed è al contempo talmente raffinata da diversificare in modo assai puntuale anche il manto dei vari animali.
Nella seconda valva si distinguono tre fasce con episodi tratti dalla vita di san Paolo; in alto egli appare seduto su uno scranno in atto di predicare, nella fascia mediana e in quella inferiore appaiono due scene tratte dagli Atti degli Apostoli: il momento in cui il santo fu morso da una vipera e rimase miracolosamente illeso, e infine il racconto che testimonia i suoi poteri taumaturgici, allorché guarì con la sola imposizione delle mani alcuni abitanti dell’isola di Malta.
Per motivi stilistici il dittico è ritenuto opera di un artista attivo a Roma o a Milano all’inizio del V secolo.
 
Del rilievo raffigurante Adamo nel Paradiso terrestre è stata recentemente donata al Museo Nazionale del Bargello una copia tattile, che consentirà anche ai visitatori con disabilità visiva di poter godere di questa importante opera d'arte.