GUARDANDO ALLA CAMPANA DELLA TORRE del BARGELLO

Il nuovo canale FB dei Musei del Bargello da oggi ON LINE

Questa è la torre campanaria che svetta sul Palazzo del Bargello.

Al suo interno c’è la storica campana detta “la Montalina” e che, nel passato, segnalava ai cittadini fiorentini momenti funesti come le esecuzioni capitali oppure il coprifuoco.
Oggi venerdì 6 novembre, in effetti, il #MuseoNazionaledelBargello è chiuso al pubblico e tale rimarrà fino al prossimo 3 dicembre. Sono chiusi anche gli altri musei che fanno parte del gruppo dei #MuseidelBargello (#CappelleMedicee #Orsanmichele #PalazzoDavanzati #CasaMartelli) perché queste sono le disposizioni che provengono dal MiBACT e dal nostro Governo.
Sono chiusi, in realtà, tutti i musei, le aree archeologiche, le biblioteche e gli archivi dell’intero territorio nazionale, semplicemente perché la lotta alla pandemia passa anche attraverso limitazioni e sacrifici che ci coinvolgono tutti.

Eppure la campana del Bargello non simboleggia solo cose negative.
In epoca moderna i suoi rintocchi divennero radi ma associati solo ed esclusivamente ad occasioni liete e festose, come i seicento anni dalla nascita di Dante Alighieri nel 1865, la fine delle due guerre mondiali o l’inizio del nuovo millennio.

Oggi, proprio mentre si chiudono temporaneamente le porte fisiche dei nostri musei, noi di @bargellomuseums abbiamo deciso di aprire al pubblico il nostro canale Facebook.


Lo facciamo perché un nuovo canale social rappresenta uno strumento fondamentale per rimanere vicini, seppur distanti.
Lo facciamo perché vogliamo che la giornata del 6 novembre 2020 non sia solo un momento di chiusura ma conservi in egual modo il ricordo di un’ostinata voglia di aprirsi al contatto, anche digitale ove quello fisico venga temporaneamente limitato.

Lo facciamo guardando proprio alla campana della torre del Bargello: perché crediamo che un simbolo negativo possa sempre trasformarsi nell’emblema di una rinascita.
#museidelbargello #laculturanonsiferma #museichiusimuseiaperti #dontgiveup #museitaliani