I MUSEI DEL BARGELLO A PORTATA DI MANO

Tre nuove brochure per guidarvi nella visita e ricordare i nostri musei

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, programmate per il 21 e il 22 settembre 2019, i Musei del Bargello omaggeranno il proprio pubblico con una nuova ed agile realizzazione editoriale: una serie di brochure con cui i musei si presentano raccontando brevemente il proprio percorso espositivo e illustrando quei capolavori “da non perdere” che li rendono noti in tutto il mondo.

Si tratta di tre eleganti e agili brochure pieghevoli, ciascuna dedicata a un museo del circuito dei Musei del Bargello. 

In particolare, all’ingresso nel Museo Nazionale del Bargello, nel Museo di Palazzo Davanzati e nel Museo delle Cappelle Medicee, ai visitatori verrà offerta la brochure dedicata al luogo che si accingono a visitare. All’interno del pieghevole una sintetica descrizione dei piani e degli ambienti, corredata di mappe stilizzate, guiderà i visitatori alla scoperta dei vari spazi espositivi. I testi sono volutamente brevi e alternati con un ricco apparato di immagini che illustrerà, in maniera immediata, le sale e le opere più note o importanti. Una sezione delle brochure, infatti, è dedicata proprio ai capolavori “Da non perdere”: una breve lista di opere (alcune celeberrime, altre meno note ma che costituiscono un invito alla scoperta) che i curatori dei tre musei hanno scelto e descritto brevemente per i visitatori. Il progetto grafico è stato realizzato grazie al contributo dello studio HaunagDesign.

Per ciascun museo è stata realizzata una doppia versione della brochure: in lingua italiana e in lingua inglese.

Per i più esigenti la brochure sarà un primo ausilio alla visita, da integrare con gli ordinari strumenti di approfondimento (guide, cataloghi, ecc.) disponibili nei bookshop; per quanti, invece, amano lasciarsi guidare nella vastità di capolavori esposti, sarà un utile sintesi di quanto potranno scoprire o di cosa non si possa assolutamente perdere prima di lasciare il museo.

Per tutti saranno comunque un nuovo strumento per rendere più piacevole la visita e per portare con sé un ricordo dell’esperienza vissuta al museo.